Archivio

Archivio Agosto 2003

Vigilia di un ferragosto ennesimo senza senso alcuno

14 Agosto 2003 2 commenti

Queste ore ferme dal silenzio
Questa aria sempre più rarefatta
Questo incollarmi al monitor
Come se qualcosa all?improvviso dovesse accadere
E che mai accade

Giro a vuoto nelle strade come quelli che non hanno niente da fare
Ripetendo lo stesso percorso tante volte
Girando intorno a girotondo
E poi di nuovo a capo

L?abitudine al nulla

Disfacendomi in passeggiate vegetative
Fatte tanto per fare
Senza scopo alcuno

Come la guardia carceraria
Quando vigila che niente accada
Girando intorno sempre
Per tutte le ore della sua paga

Io giro senza cercare o controllare
Non mi interessano i reperti
Né le scoperte
Né la politica degli affari

Sto fuori dalle mischie
E politiche e sportive e culturali
Non amo le lobbies
Le congreghe
I compagni di merenda
E le carriere a priori assicurate
Senza merito alcuno

Mi circonda fuori il vuoto caldo della aria condizionata
Aria quasi fritta
Ed io questa tengo tra le mani
Offrendola gratis ai passanti pomeridiani
Quelli senza meta
Che fanno finta come me
Di andare da qualche parte?

13 agosto 2003 h.18:44
back Gianfranco Zola filtrato da Ciuccé, incontrato al Petit Hotel di Tempio Pausania per un?intervista assai improbabile

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Il regno superficiale delle immagini

13 Agosto 2003 Commenti chiusi

Sono stanco di tutto
E anche di tutti

È una nevralgia costante il rapporto con il mondo
E questa lamentela vorrei tenerla solo per me
Senza peraltro riuscirci

Tutti corrono
Tutti cercano uno spicchio di notorietà che subito sparisce
E il gioco riinizia più drogato che mai
Nella esposizione continua degli stessi agli altri
Dentro la vetrina dell?effimero o delle vacuità

Siamo tutti
Dans le règne superficiel des images

Vogliamo diventare famosi
E se possibile ancora più famosi degli altri
E di chi era prima
E di chi verrà dopo

Occupare il presente permanentemente
Come una fatalità necessaria

Con l?arte povera e istantanea
Evento apocalittico minimo
Nell?epoca della sua dissoluzione
Rappresentando il mondo
Coi suoi dolori brillanti

13 agosto 2003 h.14:04
back La société du Spectacle

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

F/oto/grafia

13 Agosto 2003 Commenti chiusi
Categorie:Senza categoria Tag:

Redbeppe 4 me

12 Agosto 2003 Commenti chiusi

tante cose segnano una vita
e tante vite segnano qlc.
Tante esistono e kissà quante nn
conosciamo o ignoriamo…

SMS del 10 agosto 2003 h.10:16

Categorie:Senza categoria Tag:

F/oto/grafia

12 Agosto 2003 1 commento


10. Non esiste una fotografia definitiva.

Susan Sontag, La Repubblica,28 Luglio 2003, p.20

Categorie:Senza categoria Tag:

Da una parte all’altra dell’abisso

11 Agosto 2003 Commenti chiusi

Qua sparpaglierò tutta la mia inquietudine
che col caldo non si placa

Agosto mese da abolire
ma propizio alla scrittura

concetto che ribadisco con Aldo al telefono
in una domenica di nulla
con le vie che si intrecciano da sole

nulla rimane della settimana
o delle chiacchere da mercato

tutto è riverso nella costa
qui solo ombre sole di persone
che parlano in pubblico da sole
esseri che girano a vuoto

fuori da qualsiasi mondanità…

10 agosto 2003 h.20:01

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Death poetry

11 Agosto 2003 2 commenti


http://www.giornalediconfine.net/intersezioni/art_2.htm

http://www.kultunderground.org/sommario.htm

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Le triple jeu de l’art contémporain

7 Agosto 2003 Commenti chiusi

1) The imperfect day

2) Voglio diventare famoso

3) Morte di un commesso viaggiatore

S. Sperate 19 Luglio 2003 h.13:00 Via Argiolas

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

La vida es sueño

6 Agosto 2003 Commenti chiusi
Categorie:Senza categoria Tag:

Dreaming dreams

6 Agosto 2003 Commenti chiusi


e il buio mi ingoia insieme ai pensieri che ruotano lunghi come fili da intrecciare nel telaio del disordine, tappeto che si disfa e non prende forma, fili che si annodano senza un disegno chiaro e prestabilito.
La notte è nera, lo stesso nero dei pittori che a me piacciono, un nero denso, fitto, che non si fa penetrare…attraverso il ponte a cavallo dei miei pensieri che procedono caotici, sparpapgliandosi nell’aria nera come scintille di un fuoco ancestrale che vedo brillare nel ricordo fatuo della infanzia…

from “I manicomietti”

Categorie:Senza categoria Tag: ,