Archivio

Archivio Aprile 2007

pronti

30 Aprile 2007 Commenti chiusi
Categorie:Senza categoria Tag:

l’arcangelo

30 Aprile 2007 2 commenti


frigolandia, mercoledì 25 aprile 2007
VII festa dei frigoriferi intelligenti
me & grazia francescato

Categorie:Senza categoria Tag:

visioni contemporanee

29 Aprile 2007 Commenti chiusi

http://www.cematitalia.it/cemat/lenostreattivita/cdcall/callcd_risultati_3.htm

Categorie:Senza categoria Tag: ,

frigoriferi intelligenti e fuori fuochi

29 Aprile 2007 Commenti chiusi

http://www.spoletonline.com/index.php?sezione=articolo&azione=leggitutto&id=38507&from=&paginafrom=

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Ciao Alberto, ci mancherai molto

28 Aprile 2007 Commenti chiusi
Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Lei non sa…chi mi credo di essere

27 Aprile 2007 Commenti chiusi

Caro Mario, tu vedi le cose dall’alto: la miseria delle mutande rosse, la sottile nostalgia dell’essere qualcuno, lei non sa…, il vecchio e il giovane, che poi è lo stesso del vecchio e il mare, poiché un mare è la gioventù e una dura roccia aguzza picchiettata dalle onde la vecchiaia. Sfuggiremo alla morte? Pur pensando che sarà difficile…corriamo avanti per non farci prendere dalla falce che tutto cancella e ci ritroviamo vivi anche nel dopo, nei volti dei più giovani e fanciulli, nelle risa, nelle foglie verdi dei vecchi alberi, nei rivoli d’acqua che spariscono sotterra. Ah le beaux jours!, diceva un personaggio di Beckett, la dolcezza dell’amicizia…, che gioia, che felicità immensa ritrovarsi stamane…nel sole di questa stanza in cui batto sui tasti, alle ore 10,10 precise, avendo infine raggiunto le dieci righe, la terra, il mare, la meta, il goal, Israele, il comunismo, la parola promessa…

Categorie:Senza categoria Tag: ,

programma in breve VII festa dei frigoriferi intelligenti classe A+

21 Aprile 2007 Commenti chiusi

25 APRILE 2007: FESTA DELLA LIBERAZIONE A FRIGOLANDIA

Quasi ultimato il programma per la VII Festa della Liberazione dei Frigoriferi Intelligenti che si terrà nella giornata del 25 aprile prossimo, dal mattino al tramonto, nel Parco di Frigolandia, la repubblica dell?arte e della fantasia fondata un anno fa a Giano dell?Umbria, in Provincia di Perugia. La giornata sarà ricca di eventi con la presentazione di libri, concerti nella pineta, laboratori di giocoleria, fachiri che cammineranno sui vetri, giocatori di scacchi da sfidare, la realizzazione di un film collettivo colorato su pellicola 16 mm. che verrà proiettato al calar del sole, performance poetiche, giochi, incontri con artisti, dibattiti, teatro, letture nel bosco, visione di documentari e tanto altro. Più in dettaglio, saranno presenti tra gli altri Enrico Ghezzi che farà una performance filosofico teatrale immaginaria col videoartista Mario Pischedda, Elio Veltri che presenterà il suo libro Il Governo dei Conflitti edito da Longanesi, Grazia Francescato che presenterà il libro In viaggio con l?Arcangelo edito da Idea Libri, Vincino che presenterà il libro Il Male edito da Rizzoli, i fumettisti Ugo Delucchi, Filippo Scòzzari, Giuseppe Palumbo e Giovanni Bruzzo che incontreranno giovani disegnatori in cerca di consigli, gli editori Minimum Fax e Collettivo Malatempora con una bancarella di alcuni loro libri appositamente scelti per l?occasione, la rivista web democrazia e legalità con un banchetto informativo sulle malefatte del potere, la rivista A/P/ARTE di Mestre, la Rivista Pizzino di Palermo, la rivista Bianco D?Uovo di Ravello, la rivista Artico di Perugia, l?associazione Arcadia di Foligno che eseguirà libere performance di numeri di giocoleria e un piccolo laboratorio per bambini, l?artista Giuseppe Teobaldelli che proietterà un suo film disegno animato, l?associazione Cucinema di Genzano che proporrà un laboratorio di film collettivo colorato a mano in 16 mm e un laboratorio di diapositive dipinte che verranno proiettate col film all?imbrunire, l?associazione Oziosi.org che eseguirà un programma a sorpresa. La giornata sarà accompagnata anche da numerosi giovani musicisti umbri che eseguiranno miniconcerti nel bosco e dal Coro dei Minatori dell?Amiata che intonerà canti popolari del lavoro in miniera. Francesco Terenzio proietterà un suo documentario sulla famiglia patriarcale africana minacciata dal devastante protezionismo agricolo del nord del mondo. E? prevista la visione del documentario Los Piojos de Evita, sull?urbanistica della povertà e sull?espansione delle villas miserias a Buenos Aires realizzato da Andrea Ruffini, Marco Sedda e Gianmarco Serra. L?Associazione degli Scacchi di Foligno manderà alcuni suoi componenti con scacchiere ed orologi per gli appassionati del gioco che potranno sfidarsi lungo tutto il pomeriggio. Sono in fase di definizione numerosi extra come letture poetiche presso il Casa Museo Nomade della Letteratura d?Avventura, più nota come Jack London Hut (situata nella zona nord del parco e immersa tra i pini), reading e incontri culturali presso il William Shakespeare Little Theatre decorato dal maestro Aldo Cappellini e creato in una radura ornata da una fontana di Ezio Passeri.
La festa è aperta a tutti coloro che amano la natura e l?arte.

Per informazioni: 0742 90570

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

avion travel

21 Aprile 2007 Commenti chiusi

http://msaint-ange.stumbleupon.com/archive/1000/

Categorie:Senza categoria Tag: ,

il portiere di notte 2

21 Aprile 2007 2 commenti

Gentile Signor Pischedda,
Il suo interessamento al mio caso mi ha a dir poco meravigliato, mai e poi mai avrei pensato di ottenere una risposta così veloce e corredata di molteplici allegati.
La cosa che più mi ha fatto piacere è il fatto che lei abbia potuto trarre dalla mia missiva degli elementi che, in qualche modo, arricchiscono la sua opera e danno testimonianza della genuinità del suo istinto.
La sorpresa è stata completata “sbattendo in prima pagina” la mia mail che, molto modestamente, era stata scritta e spedita senza la minima illusione.
In realtà ho scritto pensando che lei, per diverse ragioni, non avrebbe mai ricevuto, mai aperto o aperto e cestinato…..
Forse ho scritto in quel modo perchè avevo la certezza che la mia mail sarebbe andata nel grande cesso di Internet o nel cestino del suo Pc, e da lì, comunque… nel cesso!
Invece lei si è mosso a grandi passi verso la redenzione, verso il riscatto, verso il mio perdono,,,,,
Mi ha donato un attimo di notorietà virtuale, mi ha sottoposto al giudizio dei lettori (2) rendendo indelebile il mio passaggio su questa terra, sino a quando il suo blog avrà vita.
Concludo ringraziandola ancora per tutta l’attenzione che sta dedicando al mio caso e, da sardo a sardo, sappia che la prendo sulla parola (scritta), e volentieri scarterò il pacchetto contenente il Dvd da lei promesso.
Cordialmente

Luigi Piras

Ps
Mi dica: è preoccupante il fatto che i 2 giudizi alla mia mail siano una risata e il dubbio sulla mia reale esistenza?

Categorie:Senza categoria Tag: ,

il portiere di notte

19 Aprile 2007 3 commenti

Gentile Signor Pischedda,
ho trovato su internet il mini film che Lei ha realizzato ad Alghero con protagonista Enrico Ghezzi. Effettivamente dovrebbe essere guardato con un solo occhio, magari in una sala buia e senza rompiballe intorno.
Giustamente Lei si rivolge a Ghezzi chiamandolo “il mio idolo”, dico giustamente perchè Lui è stato il precursore, l’apripista, il massificatore di quel pensiero astratto e prismatico che si nutre di immagini e le esemplifica utilizzando un linguaggio che per me, e circa altri mille Italiani, é divenuto quasi normale riconoscere.
Ci ha educato, parlando fuori sincrono, nelle notti quasi sempre invernali, spesso conciliava il sonno che la stanchezza manifestava.
Abbiamo resistito tante volte a quel sonno, io e gli altri mille.
Oggi, le posso dire che se non ci fosse stato Ghezzi ad educarmi con pazienza, io e anche gli altri mille, di Lei, Signor Pischedda, non avremmo capito un cazzo.
Invece grazie al lavoro di apertura mentale, precedentemente svolto da Ghezzi su di me (e gli altri mille), forse sono riuscito a capirla.
Ecco perchè dico che Lei deve, giustamente, idolatrarlo.
Io la conobbi quella sera, si rivolse a me chiedendo la mia collaborazione:
io pensai che lei fosse un pò fuori, ma mi fidai delle sue spiegazioni e partecipai attivamente alla messa in scena dello story-board che discutemmo, prima che il Signor Ghezzi discese per essere da lei accompagnato in aeroporto.
Usò le toilettes dell’hotel per travestirsi, indossò un abito reso fluorescente dopo un trattamento a vernice spray, sembrava un marziano che si reca a messa la domenica.., attese nel buio
del fondo della hall che il Signor Ghezzi, uscito dall’ascensore, venisse da me accompagnato in un punto prestabilito e, dopo che io pronunciai la frase: “la persona che la accompagnerà in aeroporto arriverà tra breve”, lei, uscendo dall’oscurità, gli si fece incontro, prese il suo bagaglio e con perfetto aplomb disse: “possiamo andare…”.
A quel punto io con un ampio gesto vi aprii la porta e chinando leggeremente il capo vi salutai in modo (spero) professionale. Tutto questo mentre Ghezzi la guardava basito, sicuramente colpito dall’insolito abito di color marziano e forse disturbato dal pensiero che stava per presentarsi all’imbarco accompagnato da una specie di SHREK dei nostri monti, tutto questo è avvenuto mentre il suo operatore riprendeva in piano sequenza con una camera digitale.
Ebbene, sono rimasto molto dispiaciuto nel non vedere nel suo minifilm tutta la sequenza da me precedentemente descritta, mi ero illuso di aver reso indelebile, scolpita nell’etere e in internet, la sequenza che testimoniava la mia condivisione di quei pochi secondi di vita con alcuni degli appartenenti alla setta notturna, della quale, grazie ai 18 anni consecutivi passati in servizio nell’albergo più prestigioso di Alghero, mi sentivo un attivo fiancheggiatore esterno.
Io, e gli altri mille, abbiamo sempre quardato quel mondo da seduti, spesso assonnati ma con la mente aperta.
Sappiamo chi siete, che cosa fate, ci sforziamo di capirvi e spesso siamo convinti di riuscirci, io e gli altri mille..
Lei, Signor Pischedda, mi ha privato di uno dei momenti più belli della mia vita professionale, giorni di paga compresi.., non so se riuscirò mai a perdonarla…
Forse potrei.., se lei mi indicasse il modo per accedere alla versione integrale del film, se questo non fosse possibile potrebbe, con un gesto che la renderebbe un Grande, inviarmene un copia in DVD.
Vorrei concludere dicendole che la mia prima impressione su di lei, cioè che era un pò fuori, era sbagliata: infatti lei è completamente fuori, talmente fuori da essere totalmente dentro una dimensione priva di atmosfera, fluttuante come un cosmonauta nello spazio.
Sappia però che io, e gli altri mille, presuntuosamente ci sforziamo di capire almeno un pò di questa dimensione, grazie alle sedute di psicanalisi del Dottor Signor Ghezzi, al quale lei dovrà pagare più di un caffè…

Con ammirazione e delusione

Luigi Piras
portiere d’albergo

ps
possiede sempre quell’abito creato dai suoi amici convenuti a Berchidda?

Categorie:Senza categoria Tag: ,