Archivio

Archivio 10 Giugno 2007

daniele ricciu

10 Giugno 2007 1 commento

Vivo in un paese collinare del nord Sardegna, suono il sax e disegno qualche faccia che mi ispira particolarmente. Collaboro con un artista incredibile, M. P., col quale ho imparato a mandare a quel paese tutti i luoghi comuni. Ma, allo stesso tempo, suono con musicisti tradizionali ed emetto suoni comuni. Il mio fraseggio e il mio suono provengono dal Jazz, soprattutto quello d’avanguardia, Ayler, Coltrane, Barbieri, Garbarek. Tra le esperienze più importanti, la partecipazione al Time in Jazz 2004 con Mario Pischedda, Capodanno 2005 con Urban Sax, Concorso Chicco Bettinardi per Nuovi talenti del Jazz Italiano 2006 a Piacenza(semifinalista) e, fra pochi giorni, alle finali del Premio Internazionale Massimo Urbani per solisti jazz a Camerino/Urbisaglia.

http://profile.myspace.com/index.cfm?fuseaction=user.viewprofile&friendid=186410411

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Erofeev

10 Giugno 2007 Commenti chiusi

E se un giorno morirò, e io morirò molto presto, so che morirò senz?aver accettato questo mondo

Categorie:Senza categoria Tag:

Venedikt Erofeev

10 Giugno 2007 Commenti chiusi

un mio conoscente sostiene che la vodka al coriandolo agisce in modo antiumano, ossia rafforza le membra ma indebolisce l’anima. Chissà perchè a me è capitato il contrario, cioè l’anima si è rafforzata in sommo grado mentre le membra si sono infiacchite…

Categorie:Senza categoria Tag: ,

tutto

10 Giugno 2007 Commenti chiusi

tout sur la terre est obscur

Categorie:Senza categoria Tag:

la Giustizia

10 Giugno 2007 Commenti chiusi

la Giustizia sparì dai tribunali come se fosse stata cacciata

velut exturbatum e iudiciis fas omne discessit

Categorie:Senza categoria Tag:

Eusebio

10 Giugno 2007 Commenti chiusi

Mentre veniva condotto impavido al supplizio, accusava l’iniquità dei tempi, imitando l’antico Zenone stoico, il quale, torturato a lungo perchè tetimoniasse il falso, si strappò la lingua e la scagliò con uno sputo sanguigno in faccia al re di Cipro che l’interrogava…

Et ducebatur intrepidus, temporum iniquitati insultans, imitatus Zenonem illum veterem Stoicum, qui ut mentiretur quaedam laceratus diutius, avulsam sedibus linguam suam cum cruento sputamine, in oculos interrogantis Cyprii regis impegit…

Categorie:Senza categoria Tag: