Archivio

Archivio Febbraio 2010

Kant

28 Febbraio 2010 1 commento

Ha ormai 74 anni e sino ad allora ha avuto la fortuna di giungere a quest’età al riparo da ogni malattia…

psychologische Artzneimittel

Categorie:kinobalanite Tag:

l’arte che avanza…

28 Febbraio 2010 Commenti chiusi

PRESS RELEASE No 1

 

ADVANCED ART / OVERPRODUCTION ART. KORF 2010
CAMeC. Centre for Modern and Contemporary Art, La Spezia.

    KORF Group, constituted by Tingis (Giuseppe Cirrito), ManUel  BOzzo, Emanuele Giannelli and Stefano Daveti with Pixel (Mario Pischedda), with cooperation and support given by the Institution for Cultural Services of La Spezia Municipality, presents Advanced art / Overproduction art. Korf 2010, curator Mara Borzone, from February 13rd to April 25th 2010, CAMeC, Centre for Modern and Contemporary Art, La Spezia.
    The large site-specific installation occupies the ground floor of the Centre with never used objects, catalogued, packaged, coded and placed in recovered display racks, obtaining the result of kind of an impossible supermarket with re-exposed and unusable “products”, as mechanical and electronic components, out of date equipments and new military materials that will be used yet. Even videos and background music are recovered through a studio processing of captured images and sounds from various sources, including phases of materials harvest,. The exhibition is divided into several areas, including In movement, installation about transit and communication by Stefano Daveti and Pixel. Objects in the corridor are flanked by a video installation of Candida TV: Rebuild the Chronovisor, representing the independent use of communication tools and media.
    KORF group, with his past, linked to social centres, show his point of view about refusal concept, exagerate production of war materials, and, generally, on overproductions and consumptions, waste disposal and pollution, by choosing proper wastes (including images and sounds discarded during recording) with an aesthetic value, then transformed into works of art.

In Advanced Art / Overproduction art KORF group developed a specific language, in which many ways of expression (sound environments, assemblages, drawings, photography, music, objects, video, sculpture) come together and blend to obtain a (utopian) work of “total art”; against Minimalism, non rigorous choice, shown by stacked objects, by the chaos and  by the excessive contemporary information..
The exhibition will propose a series of events, constituted by discussions meetings, videos and performances.

 

The group and its components, Pixel,   Candida TV

    Korf group, constituted by Alfio Antognetti, Davide Bini, Stefano Daveti, Cristiano Guerri, Roberta and Tingis (Giuseppe Cirrito) was born in ’89 as a band; he played two concerts, at Scacco Matto (Molicciara, SP), where the band where playing behind a curtain on which are projected slides in black and white, then in CSA Kronstadt (SP).  On ’90 the group   issued   No. 1 of   ”KORF”,  a special magazine about the installation at  landfill of Canaletto (La Spezia), and a video containing shots of installation with footages of  two concerts. Perhaps by restlessness, or lack of space, KORF group ceases his activity; only Daveti  and Tingis continues the collaboration (see Daveti in  video Dilatazione by Tingis, 1992). From 4th to 19th October 2008, during  Contemporary Art Day  organized by AMACI, KORF group 2 start over with Daveti (installation), Tingis (video and music), ManUel BOzzo (video), RobotMat (Matteo Ratti, cybersculptures) showing installations, live video and live music in RDA May Day social center (SP). In August 2009 KORF group presented his installation in Klang! Contemporary sounds, organized by BAU, Villa Paolina, Viareggio. (http://site.voila.fr/korf/index.html)

Tingis (Giuseppe Cirrito, Tangier, Morocco, 1952), lives and works in Carrara. He graduated on Literature in Pisa, in 1980 starts from Surrealism arriving to a kind of industrial art (interior landscapes made with recycled materials, tar, lime, paint, metal, wood); since many years utilizes video and graphics; in his musical production recovers and reworks sounds, noises and other music like in his paintings, choosing among  discarded materials during   recordings and creating sounds by himself.

ManUel BOzzo (Lerici, 1965), performer and videomaker. Linked to social issues and to relationship between individual and mass media, in his creative job uses body and technological material, recovered or low cost; since `97 experiments unrealized potentials of audiovisual language and about independent use of communication tools and media. He lived in London, S. Fé (New Mexico), Rome, Berlin and Barcelona; in `99 between   Candida TV (Roma) founders.   
 

Emanuele Giannelli (Rome 1962). Graduated on Academy of Fine Arts in Carrara, lives and works in Forte dei Marmi (LU); from ‘89, when he begin his  artistic  career Giannelli directs his plastic research toward post-industrial society, returning life to materials and processing forms between body and sound. Industrial production and cybernetics, mechanized man condition, son of the science fiction (from Ray Bradbury to Philip K. Dick), architecture and politics are main threads of his work.

Stefano Daveti (La Spezia 1961), graduated on  Academy of Fine Arts in Carrara, has taught at  Art School of Sassari and La Spezia. Lives and works between La Spezia and Sardinia. He look after  social and ecological  themes, of   inconvenience, of   recovery in its various connotations, reuse objects and spaces, and his drawings; in his works are still references to war and to military equipments. He has written texts on contemporary society analysis, with special attention about consumption and environment.

Pixel (Mario Pischedda, Palau (SS) 1949) lives and works in Tempio Pausania (SS); is a versatile artist and performer who comes from sardinian ethnography as a photographer, is also writer, poet, performer and collaborator of  “Unione Sarda” and other titles like “Frigidaire”. He collaborated with Vincenzo Sparagna and Enrico Ghezzi in some videos.

Candida TV was founded in Lazio in late ’90s from circuit of  amateur networks and of  roman audiovisual experimentation, calling himself “the household television”. Later, in addition to the creation of videos and documentaries, Candida TV organizes events and workshops on using technology to make accessible audiovisual languages to everybody by the slogan “Make your TV.”

courtesy mara borzone

Categorie:kinobalanite Tag:

riproduzione dematerializzata

28 Febbraio 2010 Commenti chiusi
Reproduktion
 Oggi alle 16.15
1) Il teatro era obbligatorio nell’antica Grecia come oggi è obbligatoria la televisione. Come lo sarà Internet e per alcuni lo è già. L’obbligo antico non era frutto di nessuna particolare sapienza, ma solo della normale ansia di duplicazione che è ancora operante.
Ansia di duplicazione, possiamo dire istinto di duplicazione, di conservazione, di riproduzione, as you like it. Desiderio di duplicazione.
Forse è la volontà di vedere la verità del riflesso… ma poiché provoca questa libido, è possibile pensare che si tratti di verità? Sarebbe molto bello. Ma la libido non è sempre una fuga? Si, certo. Dall’evento essenziale che è naturalmente la morte. L’unico evento. La conclusione del tempo. In effetti atemporale. L’unica a segnare uno stacco fra le cose.
Quindi il vedersi riflessi non sarebbe desiderato perché specchio di una esistenza che è già di per sé riflessa ma solo in quanto fuga dall’univocità dell’esistenza reale. Che sembrerebbe proprio esistere, alla faccia di qualunque ragionamento.

2) Il teatro è il doppio oscuro. Allora il punto è che noi proiettiamo in generale nel tempo un doppio (l’età dell’oro, ad esempio) che si trova in realtà nello spazio, di fronte a noi.

3) La trasparenza. Questo sarebbe il “media”. Sta tra noi e il doppio, nelle forme di spettacolo non teatrali o anche a teatro? E’ la quarta parte “trasparente” come il video o un’interfaccia? La trasparenza ha tutto a che fare con il velo, (dunque è il sipario?) presuppone qualcosa che è velato, presuppone l’esistenza stessa del velo. Trasparente è il velo trasparente. E il mediato… no, meglio, è il mediante (quindi no… non è la quarta parete?). Se trasparente è la quarta parete, cosa dovremmo dire delle altre tre? Quelle che nascondono i macchinari che muovono segretamente la scena, queste hanno sicuramente qualcosa in più a che fare con il modo di essere trasparenti delle interfacce.

4) Trasparenza, trasparenza, trasparenza. A Firenze ho visto una piccola mostra di Gerhard Richter intitolata “dissolvenza”, mentre era chiaro che quella opacità non era dissolvenza quanto trasparenza, si veda la serie Baader-Meinhof. Per me, è eclatante. http://www.gerhard-richter.com/art/paintings/photo_paintings/category.php?catID=56
Se avete presente come sono realizzati quei quadri, naturalmente. Non si prescinde dall’aspetto concettuale, giammai.

5) Ci rapportiamo dunque al mondo in una modalità che è originariamente “interfacciata”, vale a dire che non c’è, non c’è da lungo tempo o non c’è mai stata una modalità d’accesso originaria, cioè diretta e immediata? E’ con questa possibilità che il teatro ha tutto a che fare.
Certo per alcuni la differenza fra “non c’è mai stata” e “non c’è da lungo tempo” è fondamentale. Io non riesco a percepirla nemmeno come rilevante.

6) Il corpo. Il corpo è costantemente nel non luogo dell’utopia (A. Moscati in Foucault etc., grazie Lia) Troppo lungo da spiegare e sicuramente NON era proprio il caso di usare il termine “non luogo”. Ma certamente questo ha un’attinenza profonda con il teatro. In cosa consiste questa attinenza? Vedere E. Barba nel suo micidiale discorso per il conferimento di una qualche laurea honoris causa a Varsavia, http://www.odinteatret.dk/general_information/pdf_filer/La%20casa%20ITAL.pdf
un discorso che sembra scritto per il Nobel, se il Nobel lo dessero a Varsavia e questo fosse un mondo più giusto. A Barba e non a quell’altro. A Varsavia, e dove altro? “En Pologne, cest à dire Nulle Part”. Un discorso che inizia con la parola MERDRE. E che altro?

7) Questa è una nota di facebook.

http://www.youtube.com/watch?v=QwIdQUke5tE

     
      giovanni hipponensis
Categorie:kinobalanite Tag:

CAMeC

28 Febbraio 2010 Commenti chiusi
la spezia, sabato 12 febbraio 2010

     la spezia, venerdì 12 febbraio 2010

Categorie:kinobalanite Tag:

l’arte che avanza…

28 Febbraio 2010 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

paysage contemporain

28 Febbraio 2010 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

testa d’uovo

28 Febbraio 2010 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

il testimone di Genova

28 Febbraio 2010 1 commento
Categorie:kinobalanite Tag:

hard core

28 Febbraio 2010 Commenti chiusi

cagliari

da venerdi 19 marzo
a mercoledi 31 marzo
orario inizio spettacoli: _17.30 _20.30

(giovedi 18 marzo premiere ore 20.30_ ingresso solo ad inviti)

prenotazioni: cineworld 070.20.86.096
info: domusdejanasteatro@hotmail.com

http://www.youtube.com/coolizard#p/c/59F83B4D13BC6E81/0/4AIjCXNDP4Y

(link trailer)
___________________________________________________________

distanze

dopo decenni dedicati al teatro
per la prima volta sul grande schermo
il nuovo lavoro di pierfranco zappareddu
“le parole non riescono a decrivere quello che l’uomo sente”

silvia fara
giulia satta
annamaria musiu
lucia pisu
roberto antinori
uka rapu edwards
gabriella asunis
irene birocchi
franco agus

una produzione domus de janas teatro
regia di pierfranco zappareddu

marco rocca musica e sceneggiatura
stella sollai direzione di produzione e aiuto regia
alessia marcialis segretaria di produzione
marco rocca audio-video editing e direttore della fotografia

prodotto da
domus de janas teatro
s2046
pierfranco zappareddu
marco rocca
stella sollai

2oo9-2o1o

Categorie:kinobalanite Tag:

nella storica casbah

28 Febbraio 2010 Commenti chiusi
 
 

 

 

 logQuintocortile  Viale Bligny 42 – 20136 Milano – tel. 338. 800. 7617

 


 
mercoledì 17 marzo 2010 alle ore 18
presso la nuova sede di Quintocortile nella storica casbah di Viale Bligny 42 a Milano    


 
 

GRAFFIATE
17 – 30 marzo 2010

marylin

a cura di Donatella Airoldi


 

opere di:
Eugenio Alberti Schatz, Donatella Berra, Loriana Castano, Francesco Ceriani, Chiò, Paolo Dell’elce, Valeria Diamanti, Anna Filippi, Giò Lagostena, Michelangelo Miani, Antonella Prota Giurleo, Sergio Sansevrino, Marina Scognamiglio, Marco Sperandio


 
Nella settimana che vede la giornata mondiale della poesia  una mostra poetico-horror che va dalle delicatissime e dolcissime linee ricavate col punteruolo a tragici graffi (finti) sulla pelle.
Nella primavera le braccia graffiate non si possono nascondere.
E forse non ci saranno.

inaugurazione: mercoledì 17 marzo alle ore 18

eventi in mostra:
venerdì 19 marzo alle ore 18,30 concerto con musiche di Guido Boselli per violoncello e voce recitante (nell’ambito della Rassegna ‘Festival 5 giornate’)

orario: da martedì a giovedì dalle 17 alle 19 (dal 17 al 30 marzo 2010)

 



 


Categorie:kinobalanite Tag: