Archivio

Archivio Gennaio 2012

interruzione pubblicitaria

31 Gennaio 2012 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

maucè

31 Gennaio 2012 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

gallizio

30 Gennaio 2012 Commenti chiusi

mi è sempre piaciuto fare le cose per gioco, che poi mi sembra il modo più serio di affrontare la vita.

Sì, ho attraversato questi percorsi a ostacoli un po’ noiosi, tipo l’università, o lavorare nella comunicazione per una grande banca, per approdare alla mia vera passione: la letteratura, le narrazioni.

Quello che sta accadendo di notevole negli ultimi anni, però, è che le persone hanno cominciato a comportarsi in modo strano, differente: molti di quanti amano la cultura non si limitano più a leggere, a compulsare libri e a parlarne con gli amici o con i gruppi di lettura come un tempo: le persone con internet cominciano anche a scrivere, a condividere online, a interconnettersi come scritto-lettori.

Internet non crea di per sé il talento letterario: è un grande abilitatore. Dove c’è un talento, o un’idea, questa ha la possibilità di propagarsi, di farsi strada da sola.

Adesso le persone scrivono su Facebook e su Twitter, o anche, già negli anni scorsi, sui propri blog. Milioni di persone che scrivono: un’operazione di scrittura massiva senza precedenti nella storia dell’occidente. E’ come se Twitter, Facebook e anche Google fossero diventati i più grandi editori contemporanei. Editori senza catalogo, anche loro (solo che non se ne sono accorti!)

Prima delle scritture digitali era diverso: in passato chi scriveva spediva il proprio manoscritto agli editori che possedevano una vera e propria investitura nello stabilire chi e che cosa avesse la dignità di stampa. Da lì la logica del catalogo: l’editore ha certi autori, li produce, li distribuisce, assumendosene il rischio d’intrapresa, e così via.

Adesso con la comunicazione liquida si è aperta la possibilità di pubblicare online direttamente il flusso di scrittura: come editori dobbiamo inventare nuovi mercati, nuovi spazi di pubblicazione.

i contenuti di un libro sono contenuti chiusi: su internet vince la fluidità, è come se le scritture tornassero vive, in una sorta di oralità secondaria che sarebbe tanto piaciuta a McLuhan.

Da queste intuizioni è partita la mia idea di fondare una casa editrice senza catalogo. La scommessa di gallizio editore è trovare autori che possano esprimere il proprio flusso di scrittura senza il bisogno di arrivare a stamparle in pagina.

E’ una declinazione particolare del più generale bisogno di trovare nuove modalità di espressione e di valorizzazione economica del talento che si fondino sull’abbondanza digitale, non più sulla scarsità del mondo analogico.

Fare arte in rete significa in molti casi produrre migliaia di fotografie, di frammenti di scrittura, di contenuti di qualunque tipo, distribuiti istantaneamente senza costi (e senza ricavi marginali!) in una logica di condivisione del talento.

 

Pleens nasce dallo spleen di baudelaire con un’inversione di s, una virata simbolica dalla malinconia verso la gioia e il piacere

cos’è un pleens?

È un’emozione, un ricordo associato a un posto. Un racconto di viaggio: in fondo la letteratura occidentale è cominciata così, dall’Odissea in poi.

Dal punto di vista editoriale, gallizio editore rinuncia al catalogo e sceglie una piattaforma di geolocalizzazione delle narrazioni. Se con i social media le scritture sono liquide, ubique e interconnesse, la mappa aggiornabile in tempo reale diventa il nuovo sostrato su cui pubblicare le storie affioranti.

Facciamo un esempio? Prendiamo proprio Gallizio, il nostro nume tutelare: Pinot Gallizio.

Prendiamo la mappa delle langhe, prendiamo i suoi quadri, i suoi scritti e cominciamo ad appenderli con degli spilli sulla cartina delle Langhe, dove le storie di Pinot sono state in gran parte raccontate e vissute.

Una volta pubblicate in questo modo, tu collegandoti col tuo telefonino geolocalizzato mentre te ne vai in giro per le Langhe scopri passo passo che ci sono delle storie che ti parlano di quei luoghi: quelle di gallizio, ma anche quelle di

Beppe Fenoglio e di tutti gli autori (anche persone comuni) che hanno voluto associare la loro storia a quei luoghi.

http://antonioprenna.wordpress.com/2012/01/25/gallizio/

Categorie:kinobalanite Tag:

tramite gallizio

30 Gennaio 2012 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

la soggettività

30 Gennaio 2012 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

gallizio, l’editore fluttuante

29 Gennaio 2012 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

millelire

28 Gennaio 2012 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

Franco Fresi 4 us

28 Gennaio 2012 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

Mario Gregu

27 Gennaio 2012 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

menu

27 Gennaio 2012 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag: