Archivio

Archivio Maggio 2013

donato da Donato, dagli occhi di latte

31 Maggio 2013 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

rimanete irrazionali

31 Maggio 2013 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

Trigu

31 Maggio 2013 Commenti chiusi

cagliari, giovedì 30 maggio 2013, h. 18:30

Categorie:kinobalanite Tag:

oggi

30 Maggio 2013 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

onde rod

29 Maggio 2013 Commenti chiusi

tour 2013: domani cagliari x la serie “visioni ufficiose e gioiose”
via Corte d’Appello 27, Cagliari h. 18:30
continuano le visioni clandestine ed amichevoli di “onde rod”, fuori da qualsiasi circuito, visioni autistiche, veloci, amichevoli, ospiti di “trigu”, ovvero di massimo congiu e alè/ssia d’armonia & oubliette magazine, siateci, noi ci saremo
guest star: jesuinu deiana deiana

http://oubliettemagazine.com/2013/05/27/youporn-pagina-tratta-da-cafe-bizarre-scoperte-le-anticipazioni-di-onde-rod-di-mario-pischedda/

http://oubliettemagazine.com/2013/05/25/onde-rod-prima-visione-cagliaritana-del-lungometraggio-di-mario-pischedda-30-maggio-al-trigu/

Categorie:kinobalanite Tag:

zin/Grillo 4 us

29 Maggio 2013 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

vargiu

28 Maggio 2013 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

carota

28 Maggio 2013 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

massimo congiu, quarta uscita ufficiosa

28 Maggio 2013 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

in memoria di diana baylon

27 Maggio 2013 Commenti chiusi

http://aldoricci.wordpress.com/2013/05/27/zipha-marsch/

la morte lascia sempre senza parole, ti asciuga, prosciuga, ti svuota, annichilisce come nessun’altra cosa e non c’è età o giustificazione che possa reggere di fronte alla sua incomprensibilità ed assurdità, siamo invischiati, impaniati in questo tormento tormentone quotidiano, è il pensiero dominante di ognuno, ma quando capita, quando qualche persona cara viene rapita rimaniamo di sasso, impietriti, tra il riso sguaiato e osceno (la morte è la cosa più pornografica) e il pianto irrefrenabile, d’un colpo gli affetti, le condivisioni, il banale, la routine scompaiono come d’incanto, io ho conosciuto la madre di aldo ricci e so che una madre è una madre, un qualcosa di indefinibile e di incommensurabile, chi ci ha messo al mondo senza il nostro volere e qui sta l’atroce dilemma del vivere quotidiano, la solitudine si amplifica, cito aldo che cita miller dicendo che stavolta “è davvero troppo il bagaglio di dolore che ognuno di noi deve sopportare” – Henry Miller dixit

Categorie:kinobalanite Tag: