Archivio

Archivio Gennaio 2014

condivisioni

21 Gennaio 2014 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

un cantautore coi fiocchi ha dis/organizzato questa cosa

20 Gennaio 2014 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

piazzagallura

20 Gennaio 2014 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

ai limiti dell’impossibile

19 Gennaio 2014 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

ff

17 Gennaio 2014 Commenti chiusi

La fotografia è ciò che facciamo di essa, e quello che fotografiamo non è quello che vediamo ma quello che siamo perché si scopre al mondo solamente quello che ci portiamo dentro…

E tutto ciò che ci circonda può venire ripreso per essere testimoniato con significato.

Categorie:kinobalanite Tag:

onde rod

17 Gennaio 2014 Commenti chiusi

onde rod“, il docufilm che tutti vogliono vedere e che comunque si potrà vedere x chi lo vorrà, venerdì 24 gennaio, rigorosamente ore 19:00, a roma al beba do samba, Via dei Messapi, 8
339 575 0390

Categorie:kinobalanite Tag:

il Maestro di color che fotografano

17 Gennaio 2014 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

curri curri

14 Gennaio 2014 Commenti chiusi
Curriculum vitae

Sono venuto al mondo alle tre e mezza in un giorno di caldofresco fine giugno mentre fuori c’era il boom.

I miei primi odori sono quelli della mia prima casa di via Lazzaroni, piccola strada di un agglomerato di case di una frazione di un comune della provincia di Brescia, regione Lombardia, nazione Italia, continente
Europa, pianeta Terra, Universo.

A tre anni assisto ad uno …spettacolo di burattini che mi cambierà la vita.
Mia sorella mi aspettò fuori tutto il tempo, che non avevamo soldi per tutti e due.
La vita me la cambiò anche la suora dell’asilo in quanto tale.
La vita me la cambiò poi anche la mia maestra Wanda che lesse ad alta voce un mio tema sulle unghie dei gatti che sono retrattili.

Tantissime le esperienze di ammazzamenti: lucertole con il tirasassi, uccellini con il tirasassi,
topi con il tirasassi,
anatre e galline con l’arco e con le frecce ricavate dalle stecche degli ombrelli in disuso.
Una volta un mio amico ammazzò un cane, gli strinse il collo con una cinghia fino all’ultimo sussulto e la cosa mi cambiò la vita.
Invece quando si ammazzavano i maiali era sempre festa anche se avevo paura di Jim, il cane nero della mia vicina che mi puntava sempre alle chiappe.

Alle medie ero il più bravo della scuola, mi piaceva il francese perché la profe di francese ci faceva scrivere le nostre poesie in dialetto bresciano e ci correggeva gli accenti sulle E e quelli sulla O.

Poi alle superiori son dovuto andare in città e la città ti cambia la vita.
Erano gli anni 70, anni di piombo anni di ferro fuoco e anni di fumo inteso come droga leggera.
In quegli anni scrissi il mio primo vero componimento poetico ancora reperibile dal titolo ‘Un po’ dada un po’ dada umpò dadaunpò’

Gli anni 80 non me li ricordo tanto, mi pare che comunque un po’ mi abbiano cambiato la vita, ricordo anche un pugnale alla gola, una canna di pistola piantata nella nuca, una ragazza di nome Maria e mia mamma che entrava nella mia camera e di nascosto mi raccomandava alla madonna con l’acqua benedetta di Lourdes.

Tante le esperienze in campo culturale: immemorabili per me e per pochi amici le improvvisazioni e le performance in spazi quotidiani e in importanti teatri accompagnati sempre sempre sempre da una certa malcelata sensazione di fare figure di merda.

Sul finire degli 80 incontro la donna della mia vita e la vita mi è cambiata veramente.

Ora sono un bravo ragazzo quieto, sulla carta d’identità c’è scritto ‘casalingo’, faccio il pane, frequento gente strana (ad esempio un gruppo di 40-cinquantenni col quale ci troviamo a fare teatro ma però si parla solo di musica).
Ho tanti amici, alcuni dei quali eterosessuali,  ma preferisco condividere un bed and breakfast con le mie amiche.
Politicamente sono  un antifascista
anche se mi è capitato di condividere cene e giornate di mare e il Caligola di Camus con un tipo che faceva il coordinatore nazionale di Forza Nuova.

Vivo attualmente in un ameno e quieto paesello borghese attraversato da un fiume indifferente ma io amo gli orizzonti larghi, amo il mare: sono in aspettativa per una piccola barchetta che mi ci possa coccolandomi portare.

Modì
Categorie:kinobalanite Tag:

prenuragico

14 Gennaio 2014 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag:

gallizioLAB

13 Gennaio 2014 Commenti chiusi
Categorie:kinobalanite Tag: